logo libreria universo

Libreria Universo - (Adiacenze Policlinico Umberto I) - Orario di apertura: dal Lunedi al Venerdi dalle 07:30 alle 19:00, Sabato dalle 09:00 alle 13:00.
Piazza Girolamo Fabrizio, 6 - 00161 - Roma - email: info@libreriauniverso.it - Tel. 06-490931 - Fax 06-4451407

Libreria Universo Due - (Adiacenze Policlinico Gemelli) - Orario di apertura: dal Lunedi al Venerdi dalle 09:30 alle 13:30 e dalle 14:00 alle 19:00.
Via Agenore Zeri, 11 - 00168 - Roma - email: info@libreriauniverso.it - Tel. 06-64561499 - Fax 06-64831480

Manuale clinico delle urgenze pediatriche

di Crain - Gershel  • 2006  • dettagli prodotto

PROMOZIONE
subito disponibile
consegnato in 1-2 gg lavorativi


DESCRIZIONE

PrefazioneNella quarta edizione del Clinical Manual of Emergency Pediatrics, abbiamo fortementecercato di rimanere fedeli alla nostra primitiva intenzione: realizzare un manualeconciso e tascabile che affrontasse la maggior parte delle condizioni che vengononormalmente trattate in un Pronto Soccorso Pediatrico. Per ogni argomento abbiamoevidenziato i punti essenziali e le priorità necessarie per la diagnosi, il trattamento edil follow-up, così come le indicazioni al ricovero e la bibliografia per indirizzare ulterioriapprofondimenti sul tema.I medici che operano in Pronto Soccorso si trovano a dover gestire pazienti che presentanouna grande varietà di problemi acuti, da situazioni di emergenze con pericolodi vita a situazioni banali e non importanti. Allo stesso tempo, ai medici di base vieneora richiesto di gestire patologie acute nella quotidiana pratica ambulatoriale. I bambinicon problemi acuti sono ricoverati meno frequentemente di un tempo e sonodimessi più rapidamente ed inviati al proprio medico curante. È altresì in aumento ilnumero di bambini con malattie croniche o in condizioni di rischio sanitario che arrivanoall’ambulatorio del medico di base. Come conseguenza di questi cambiamenti, imedici che operano nella medicina di base o in Ospedale possono trovarsi a doveraffrontare situazioni di potenziale o effettiva urgenza in campo pediatrico. Tali operatori,così come il medico di Pronto Soccorso, possono quindi trovare assai utile unmanuale pratico relativo a questi temi.Nella quarta edizione abbiamo mantenuto le specifiche caratteristiche del manualeintroducendo molti cambiamenti che dovrebbero aumentarne la praticità. Poiché lavarietà delle patologie e dei traumi dell’età pediatrica è in costante aumento, abbiamorisvisto ed aggiornato ogni capitolo. Sono state aggiunte nuove sezioni sulla dorsalgia,la radiologia d’urgenza, la scarsa crescita, le protesi impiantabili, le intossicazioni (farmaciper ADHD, antidepressivi, antipsicotici, farmaci per il raffreddore, inalanti, veleniper topi), la violenza interpersonale, la riabilitazione dei traumi ortopedici, le alterazionidell’emocromo, il bambino critico, i problemi di mediazione culturale. Inrisposta alle recenti situazioni internazionali, abbiamo anche aggiunto un capitolo sulterrorismo chimico e biologico.È necessaria però una precisazione. Sebbene un manuale di medicina d’urgenzapossa essere molto utile, ci potrebbe essere il rischio che il medico, soprattutto seancora in formazione, vi cerchi automaticamente qualsiasi risposta. Non è nostraintenzione che questo testo sia usato come una raccolta di protocolli. Gli studenti e glioperatori in formazione non devono usare questo manuale come sostituto della lorocapacità critica e della propria sensibilità nel prendere in carico un bambino ammalatoe la sua famiglia.xivIl nostro ringraziamento per la realizzazione della terza edizione va a: J. R. Avner,D. E. Bank, R. M. Barkin, P. Belamarich, L. Bernstein, A. Brent, B. L. Bunch, A. A.Caldamone, K. J. Chou, A. Ciorciari, A. Cooper, S. J. Cunningham, J. De Bellis, M.H. Gewitz, D. M. Jaffe, J. Joseph, D. Hodge III, C. M. Kercsmar, M. E. Lederman, S.R. Levine, L. Levy, W. J. Lewander, K. Lillis, S. Ludwig, F. Maffei, R. L. Mann, R.W. Marion, S. Z. Miller, B. J. Mistry, J. Rosenfeld, D. Saltzberg, D. Saunders, S.Schwartz, J. Seidel, J. Shliozberg, A. Smerling, S. Smith, R. E. K. Stein, J. J. Sutton,M. Tenenbein, H. Trachtman, A. Walker, M. Weinblatt, P. K. Woolf, R. H. K. Wu. Senzail loro sforzo per realizzare la terza edizione non ce ne sarebbe stata una quarta.Dobbiamo inoltre ringraziare in particolar modo Jeremy Halberstadt e Rachel J.Katz-Sidlow il cui inesauribile impegno ha permesso di portare al giusto compimentoquesta edizione. Sebbene la qualità della quarta edizione rifletta il grande impegnodi tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione di ogni sezione, la stesura finaledell’opera esprime il nostro personale approccio ad ogni patologia o problema. Noisiamo quindi responsabili dei contenuti di questo manuale.Siamo riconoscenti alle nostre famiglie ed ai nostri colleghi che hanno sopportatole nostre preoccupazioni riguardo questo libro. Per ciò che ci hanno insegnato e perl’esempio che ci hanno offerto, siamo particolarmente riconoscenti a tutti i membridello staff medico ed infermieristico del Pronto Soccorso Pediatrico del JacobiMedical Center. Osservandoli nel loro lavoro e nel modo di interagire con i pazientied i familiari abbiamo migliorato il nostro modo di assistere il malato e di insegnarela medicina. Siamo in debito con lo staff medico di Pediatria e Medicina d’urgenza econ i fellow di Pediatria d’Urgenza del Jacobi Medical Center e con gli studentidell’Albert Einstein College of Medicine, ai quali, nel corso degli anni, abbiamo avutol’onore di insegnare e dai quali abbiamo anche potuto imparare. I loro interessantiquesiti ci hanno offerto lo spunto per questo manuale.Questo libro è dedicato alla memoria del Dr. Lewis M . Fraad, nostro stimato maestro,il cui nome è stato onorato dalla dedica del nostro dipartimento, Dipartimento diPediatria “Lewis M. Fraad” del Jacobi Medical Center. Giorno dopo giorno è stato pernoi un modello in grado di unire al rigore intellettuale il profondo rispetto per i bambinie le loro famiglie. Egli sarà sempre con noi nell’impegno che porremo nel faredel nostro meglio.Ellen F. CrainJeffrey GershelPrefazionexvPresentazione del Prof. Franco ZacchelloOrmai arrivato alla quarta edizione americana, il Clinical Manual of EmergencyPediatrics è finalmente disponibile nella traduzione italiana. In un mondo in cui la cartastampata viene estesamente sostituita da internet, potrebbe sembrare anacronistico pubblicareun nuovo manuale di pediatria d’urgenza.In realtà, la rapidità nel reperire le informazioni nel web non sempre è compensatadall’autorevolezza e dall’indipendenza della fonte. Il medico del pronto soccorso nonpuò ricorrere a strumenti potenti ma dispersivi: per definizione il suo paziente non puòattendere l’intervento sanitario!Nelle situazioni di urgenza anche il medico più esperto può avere necessità di informazioniassai diverse fra di loro, che potenzialmente spaziano in tutto l’ambito dellascienza medica e talvolta non solo in quella.Allo stesso tempo anche il medico in formazione, quando si trova a dover affrontareuna situazione di urgenza, trova grande utilità nel vedere confermata la propria valutazionecon le indicazioni di chi ha avuto il tempo di applicare il rigore scientifico alleproprie esperienze.Ecco perché il Manuale Clinico delle Urgenze Pediatriche si presenta come un testoconciso, completo e documentato, proposto nel formato tascabile per essere sempre adisposizione nella tasca del camice.Il libro è suddiviso in 25 importanti capitoli e per ciascuno sono descritti i puntiessenziali e prioritari per la diagnosi, la gestione e il follow-up dell’argomento trattatocon le relative citazioni bibliografiche a fine di ogni sottocapitolo.Le situazioni di urgenza pediatriche sono descritte sia nel classico sistema anatomico,quali quelle relative al distretto cardiaco, polmonare, renale, dell’apparato gastroenterico,nervoso, muscolo-scheletrico e cutaneo, ma anche come emergenze situazionalequali gli incidenti domestici e stradali. Nella trattazione trovano spazio i piccoli traumie le emergenze odontoiatriche, non sono trascurati i problemi psicologici che possonopure avere grande importanza in pediatria, come pure alcuni problemi emergenti qualiil bioterrorismo e le controversie medico-legali.Le patologie descritte e le soluzioni proposte dunque non sono solo di stretta pertinenzadi un servizio di pronto soccorso ma aiutano a risolvere anche molte situazioniche si presentano nell’ambulatorio del pediatra di famiglia.Nel contesto di una pediatria di intervento primario, l’uso di un manuale come questofavorisce il corretto approccio con i problemi dell’emergenza. L’inquadramento delpiccolo paziente con patologia acuta può essere affrontato con maggiore cognizione dicausa, sia nel riconoscimento della gravità, sia per un primo intervento coerente conquanto dovrà mettere in atto il medico del pronto soccorso pediatrico.L’importante compito della traduzione in italiano è stato affidato ad un medico competentedel settore, il dottor Carlo Moretti, che da molti anni opera nel Servizio diPronto Soccorso e Pediatria d’urgenza del Dipartimento di Pediatria e che è un espertodi comunicazione sanitaria. Come in ogni traduzione di carattere tecnico si è dovutaPresentazione xvicombinare la fedeltà all’opera con il contesto nel quale questa va letta, e dunque si sonodovuti adattare alcuni termini tecnici, a volte gergali dell’edizione americana, con quelliin uso presso il nostro paese. In qualche caso anche i trattamenti farmacologici hannodovuto tenere conto della disponibilità di farmaci in Italia, rispetto alle abitudini prescrittivedegli Stati Uniti. In tutti questi casi il dott. Moretti ha saputo scegliere le alternativepiù corrette.In conclusione, mi auguro che questo manuale sia un “valido consigliere” per il medicoscrupoloso, che non si accontenta della propria esperienza ma che vuole confrontarele sue conoscenze con quelle di altri, anche a livello sovranazionale, a tutto vantaggiodel proprio paziente.Prof. Franco ZacchelloDirettore del Dipartimento di PediatriaAzienda Ospedaliera-Università di PadovaPresentazione della Dott.ssa Liviana Da DaltNel panorama delle specializzazioni pediatriche, la medicina d’urgenza ha assunto in questiultimi anni un ruolo crescente ed in continua evoluzione.Se guardiamo alla Pediatria come ad una sorta di medicina generale del bambino, essa sitrova frequentemente a dover affrontare patologie urgenti o situazioni di emergenza per lasalute del piccolo paziente.Se guardiamo alla Pediatria come ad una medicina dell’individuo in fase di sviluppo e quindidi costante cambiamento sia dal punto di vista fisiologico che psico-intellettivo, essa deveassolvere il compito di fornire i principi teorici e le tecniche pratiche che permettano di soccorrere,con la medesima efficienza, individui la cui età può variare da poche ore fino all’etàadulta.Se infine guardiamo alla Pediatria come una medicina volta a tutelare la salute, nel suo concettopiù ampio, dell’ individuo bambino, allora essa assume il fondamentale compito di tutelarnei diritti ed i bisogni anche quando la gravità e l’urgenza della malattia possono porli insecondo piano.La versione italiana del Clinical Manual of Emergency Pediatrics offre uno strumento chesoddisfa queste esigenze: pur nella necessaria essenzialità di una edizione tascabile, oltre aitemi maggiori della pediatria, che affronta dal punto di vista del loro approccio in urgenza,esso tratta molti argomenti che raramente compaiono nei classici trattati di pediatria ma chespesso sono fondamentali per il Pediatra, che in Pronto Soccorso deve saper affrontare concretamenteogni tipo di problema giunga alla sua attenzione.Ecco perché la Pediatria esercitata in Pronto Soccorso può divenire un fertile terreno di formazioneper il giovane medico agli inizi della sua carriera professionale, sia che egli sia destinatoa specializzarsi, in seguito, nella medicina del bambino sia che sia indirizzato alla piùampia branca della medicina generale.Essere ogni giorno chiamato ad affrontare tanti tipi diversi di problemi permette al Pediatra,qualunque sia il suo livello di esperienza, di mettere a frutto tutta la sua competenza, secondoun approccio centrato sui problemi acuti ma senza dimenticare una visione complessiva dell’individuobambino, tanto cara alla Pediatria tradizionale.Saper identificare la gravità del paziente e le conseguenti priorità di diagnosi e di intervento,in pratica saper distinguere il bambino con un problema potenzialmente grave da quelloche invece presenti un disturbo banale, in un ambiente concitato come il Pronto Soccorso,costituiscono la principale abilità del Pediatra nell’urgenza: il manuale contribuisce a raggiungerequesto obbiettivo ed offre al medico un utile ed agile strumento a cui riferirsi in caso dinecessità.La traduzione italiana è stata curata dal Dott. Carlo Moretti che da anni lavora nel ProntoSoccorso Pediatrico del Dipartimento di Pediatria di Padova e con il quale ho avviato la crescitaculturale e operativa della pediatria d’urgenza nel nostro Ospedale Infantile.Nella versione italiana ha conservato volutamente lo stile conciso ed essenziale dell’originaleamericano: lo ritengo il più adeguato quando sia necessario trovare rapidamente un’informazioneed anche, in termini più ampi, un ottimo “stile di pensiero” per il Pediatra cheopera nell’urgenza.Dott.ssa Liviana Da DaltResponsabile del Pronto Soccorso PediatricoDipartimento di PediatriaAzienda Ospedaliera-Università di Padova

DETTAGLI PRODOTTO  torna su

ISBN: 8829917907

Titolo: Manuale clinico delle urgenze pediatriche

Autori:

Editore: Piccin

Volume: Unico

Edizione: IV 2006

Lingua: Italiano

Finitura: Copertina flessibile

Misure: 14,5x20 cm

Pagine: 766

Peso: 1.2 kg

RECENSIONI

NESSUNA RECENSIONE PER QUESTO PRODOTTO