logo libreria universo

Libreria Universo - (Adiacenze Policlinico Umberto I) - Orario di apertura: dal Lunedi al Venerdi dalle 07:30 alle 19:00, Sabato dalle 09:00 alle 13:00.
Piazza Girolamo Fabrizio, 6 - 00161 - Roma - email: info@libreriauniverso.it - Tel. 06-490931 - Fax 06-4451407

Libreria Universo Due - (Adiacenze Policlinico Gemelli) - Orario di apertura: dal Lunedi al Venerdi dalle 09:30 alle 13:30 e dalle 14:00 alle 19:00.
Via Agenore Zeri, 11 - 00168 - Roma - email: info@libreriauniverso.it - Tel. 06-64561499 - Fax 06-64831480

Malattie delle ghiandole endocrine, del metabolismo e della nutrizione

di Brunetti - Santeusanio - Larizza  • 2011  • dettagli prodotto

spedizione gratuita
normalmente disponibile
per la spedizione in 1-2 giorni lavorativi

da €180,00 a  € 153,00
accedi o registrati per vedere le promozioni a te riservate

prezzo differente nei punti vendita


DESCRIZIONE

Il volume sulle “Malattie delle ghiandole endocrine,del metabolismo e della nutrizione” è giunto a compimento anche per la seconda edizione del Trattato di Medicina Interna, un’opera di grande prestigio, che ha visto la luce più di trenta anni orsono per volontà del compianto Prof. Paolo Larizza, uno dei più autorevoli esponenti della medicina clinica italiana, coordinatore della prima edizione dell’opera.Il Trattato è stato concepito, fin dall’inizio, come una collana di volumi monografici distinti, dedicati ciascuno alla patologia di un singolo apparato organico, affidati ad Autori di grande competenza nei singoli settori, ma tutti caratterizzati dalla comune aspirazione originaria a tradurre i più recenti progressi della ricerca scientifica in indirizzi diagnostici e terapeutici di immediata applicazione clinica. In conformità a questo principio, anche nella esposizione delle malattie endocrine, metaboliche e della nutrizione, si è voluto dare ampio spazio allebasi fisiopatologiche delle singole affezioni per consentire una ricostruzione logica delle varie componenti del quadro clinico e fondare su basi razionali le scelte terapeutiche oggi disponibili. La necessità di un aggiornamento in ambito endocrinologico e metabolico è avvertita con intensità anche maggiore, rispetto ad altre branche della medicina, per il tumultuoso sviluppo subìto negli ultimi anni dalla endocrinologia, con l’acquisizione di nuove conoscenze nell’area della genetica, della biologia molecolare e cellulare e della diagnostica e per la disponibilità di nuove classi di farmaci. L’organizzazione e lo stesso ruolo funzionale del sistema endocrino nella economia generale dell’organismo ha subìto una profonda trasformazione rispetto al passato. Organi e sistemi cellulari che fino a ieri sembravano estranei ad una funzione ormonale si sono dimostrati invece sede di produzione e di secrezione di numerosi principi attivi tuttora in fase di definizione. Un esempio assai significativo di questo nuovo modo di intendere il sistema endocrino è l’attuale visione del ruolo del tessuto adiposo, non più inteso come inerte deposito di energia, da mobilizzare in caso di fabbisogno, bensì come un apparato perfettamente integrato nel sistema di regolazione della assunzione del cibo e della spesa energetica. Agli adipociti è stata riconosciuta in effetti, accanto alla funzione primaria di sintesi dei trigliceridi, la produzione e la secrezione in circolo di una miriade di composti, adipochine ed adipocitochine, non tutti ancora identificati, capaci di interagire con il sistema nervoso centrale, a livello ipotalamico, di interferire con il segnale insulinico modificando la sensibilità all’insulina e anche di svolgere, in condizioni patologiche, un’azione pro-infiammatoria e pro-trombotica che contribuisce alla genesi delle complicanze aterosclerotiche della obesità e del diabete. Il diabete mellito è, in particolare, un’area che ha subito negli ultimi anni una profonda revisione grazie alle numerose informazioni derivate dalla ricerca di base e agli importanti studi clinici controllati che, proprio in questi anni, sono giunti a compimento. Sono stati modificati i criteri diagnostici e la stessa classificazione del diabete per fondare la diagnosi su più precisi criteri metabolici ed eziopatogenetici. La disponibilità di marcatori auto-anticorpali ha reso possibile la predizione del diabete di tipo 1 anche con molti anni di anticipo rispetto alla sua insorgenza ed ha aperto la strada a studi di prevenzione, alcuni dei quali ancora in corso. D’altro canto, la disponibilità di analoghi biosintetici dell’insulina ad azione rapida e ritardata ha consentito un notevole progresso nella terapia insulinica rendendola più aderente alle esigenze della fisiologia e riducendo il rischio derivante dall’ipoglicemia. Nuove ed affascinanti prospettive di terapia del diabete di tipo 1 sono state inoltre aperte dai possibili sviluppi del pancreas artificiale e dal trapianto di pancreas e di insule. Non minori le innovazioni registrate in tema di diabete di tipo 2 la cui patogenesi è stata totalmente rivisitata in chiave adipocentrica, ponendo l’accento sul ruolo dell’obesità centrale e del disordine del metabolismo lipidico nell’origine del diabete e, metabolica che ne è alla base. La recente acquisizione di nuove classi di farmaci ipoglicemizzanti ha consentito inoltre di ampliare la nostranofferta terapeutica rendendola più aderente alle esigenze derivate dalla nuova interpretazione patogenetica. La diffusione epidemica a livello planetario del diabete di tipo 2, legata ad uno stile di vita non coerente con le caratteristiche genetiche sviluppate nel corso della evoluzione, e la gravità delle complicanze cardiovascolari che ne funestano il decorso, esercitando un impatto senza precedenti sulla sanità pubblica, ci hanno indotto a dedicare un ampio spazio a questa patologia nell’ambito delle malattie del metabolismo. L’intento è stato quello di fornire strumenti più adeguati per il controllo dei fattori di rischio cardiovascolari che rappresentano oggi una delle maggiori cause di morbilità e di mortalità.Fra i tanti progressi registrati in ambito endocrinologico e metabolico, sono da citare quelli inerenti alle metotodologie diagnostiche, dalle tecniche più precise ed affidabili per la determinazione delle concentrazioni ormonali, alla spettrometria di massa, alla analisi di biologia molecolare per la caratterizzazione contemporanea di profili genetici multipli, ecc. Una maggiore consapevolezza e più concrete possibilità diagnostiche sono state ad es. acquisite per quel che concerne i tumori neuroendocrini grazie alla disponibilità di nuovi marcatori plasmatici nei tissutali di differenziazione, quali la cromogranina e l’enolasi neuronale specifica, di tecniche radiodiagnostiche basate sull’impiego di derivati della somatostatina marcati con specifici isotopi radioattivi e della combinazione della tomografia assiale computerizzata con la tomografia ad emissione di protoni.

DETTAGLI PRODOTTO  torna su

ISBN: 9788829921119

Titolo: Malattie delle ghiandole endocrine, del metabolismo e della nutrizione

Autori:

Editore: Piccin

Volume: Unico

Edizione: 2011

Collana: Trattato Di Medicina Interna A Cura Di Larizza

Lingua: Italiano

Finitura: Copertina rigida

Misure: 21x27 cm

Pagine: 1186

Peso: 3 kg

RECENSIONI

NESSUNA RECENSIONE PER QUESTO PRODOTTO