logo libreria universo

Libreria Universo - (Adiacenze Policlinico Umberto I) - Orario di apertura: dal Lunedi al Venerdi dalle 07:30 alle 19:00, Sabato dalle 09:00 alle 13:00.
Piazza Girolamo Fabrizio, 6 - 00161 - Roma - email: info@libreriauniverso.it - Tel. 06-490931 - Fax 06-4451407

Libreria Universo Due - (Adiacenze Policlinico Gemelli) - Orario di apertura: dal Lunedi al Venerdi dalle 09:30 alle 13:30 e dalle 14:00 alle 19:00.
Via Agenore Zeri, 11 - 00168 - Roma - email: info@libreriauniverso.it - Tel. 06-64561499 - Fax 06-64831480

Statistica medica - Metodi quantitativi per le scienze della salute

di Valenti  • 2007  • dettagli prodotto

normalmente disponibile
per la spedizione in 4-6 giorni lavorativi

DESCRIZIONE

Quando si conclude la redazione di un manuale didattico, in questo caso durata alcuni anni, è piuttosto naturale chiedersi se davvero le energie spese non avrebbero potuto essere impiegate diversamente. A parte la doverosa autocritica e un po’ di senso del limite, che condurrebbero a un “sì” immediato, è evidente che la risposta a un quesito del genere può competere solo ai destinatari, cioè gli studenti, e le numerose tipologie di operatori della salute che per necessità professionali, di ricerca o esigenze di educazione continua si debbano confrontare con metodi quantitativi.Porsi la domanda significa soprattutto chiedersi se non fosse sufficiente la bibliografia già esistente. Per la verità, nel settore della Statistica Medica non mancano opere sistematiche di grande rilievo divenute nel tempo dei classici, opere di approfondimento metodologico destinate agli esperti, e opere di consultazione, provenienti soprattutto al mondo anglosassone. Sono disponibili in italiano diversi manuali di Statistica Medica prodotti da importanti Scuole accademiche e alcune traduzioni di manuali anglosassoni. Ma al di là dell’indiscutibile rigore metodologico e didattico di queste opere, mi è sembrato che potesse esserci spazio per un manuale che assuma il punto di vista del destinatario-tipo. Cerco di spiegarmi meglio. Con quali strumenti un operatore della salute acquisisce i metodi quantitativi fondamentali per la propria attività? E inoltre, con quali strumenti è possibile formare un epidemiologo-biostatistico capace di orientare e coordinare programmi di ricerca, a partire da un curriculum di studi di base nelle scienze della salute? Una mia risposta, basata sull’esperienza personale di medico avviato successivamente alla biostatistica e all’epidemiologia, è che occorre introdurre l’allievo nella metodologia senza forzature didattiche, quali indicare come prerequisito un glossario matematico troppo avanzato per il livello medio tipico dello studente dei corsi di scienze della salute, o proporre modelli statistici senza preoccuparsi di collegarli a una necessità o esperienza di tipo pratico.Ciascun docente universitario sa perfettamente che il decadimento post-esame (o anche post corso ECM!) delle conoscenze tecniche su una materia è tanto più rapido e profondo quanto minore è l’identificazione dei contenuti della materia con problemi reali. Il punto è che oggi, nel quotidiano di chiunque si formi o operi nel contesto della salute umana, la quantificazione è un aspetto preponderante. Lo studente si confronta con la necessità di verificare la forza di alcune evidenze per realizzare una tesi sperimentale. Il ricercatore di laboratorio ha il problema di trattare e razionalizzare grandi quantità di dati e capire il modello generale che determina o regola i fenomeni biologici.Il medico pratico e il professionista della salute devono saper interpretare il significato probabilistico di molte attività diagnostiche e terapeutiche, ed avere gli strumenti per poter consultare adeguatamente la letteratura per un aggiornamento continuo, discernendo l’informazione-spazzatura, spesso prezzolata, dall’informazione scientifica: quanti trials clinici hanno una potenza statistica sufficiente per giustificare le conclusioni che vengono tratte? L’operatore di sanità pubblica, e in particolare l’epidemiologo, ha l’obbligo professionale non solo di conoscere la distribuzione dei fenomeni in una popolazione, ma anche di saper modellare i dati adeguatamente (cioè in modo rigoroso ma di semplice lettura), per offrire ai policy-makers e agli amministratori strumenti interpretativi e informazioni utili ad assumere decisioni programmatorie e organizzative. Ben più di altre discipline, la Statistica Medica può dunque diventare per l’operatore e per il ricercatore un orizzonte di senso e di metodo cui rivolgersi per una migliore comprensione delle scienze della salute.L’ambizione di questo manuale è quella di consentire a chi si avvicini alla Statistica Medica di seguire un percorso di avviamento graduale e tutto basato sull’utilità pratica dei contenuti, per apprendere quali sono gli strumenti statistici più adatti per trattare un problema derivante dall’interpretazione di un set di dati o di informazioni più elaborate

DETTAGLI PRODOTTO  torna su

ISBN: 9788832360196

Titolo: Statistica medica - Metodi quantitativi per le scienze della salute

Autori:

Editore: Monduzzi

Volume: Unico

Edizione: 2007

Lingua: Italiano

Finitura: Copertina flessibile

Misure: 17x24 cm

Pagine: 340

Peso: 0.8 kg

RECENSIONI

NESSUNA RECENSIONE PER QUESTO PRODOTTO