logo libreria universo

Libreria Universo - (Adiacenze Policlinico Umberto I) - Orario di apertura: dal Lunedi al Venerdi dalle 07:30 alle 19:00, Sabato dalle 09:00 alle 13:00.
Piazza Girolamo Fabrizio, 6 - 00161 - Roma - email: info@libreriauniverso.it - Tel. 06-490931 - Fax 06-4451407

Libreria Universo Due - (Adiacenze Policlinico Gemelli) - Orario di apertura: dal Lunedi al Venerdi dalle 09:30 alle 13:30 e dalle 14:00 alle 19:00.
Via Agenore Zeri, 11 - 00168 - Roma - email: info@libreriauniverso.it - Tel. 06-64561499 - Fax 06-64831480

Patologie ambientali e lavorative - MCS - Amianto e Giustizia

di Bonanni - Ugazio  • 2011  • dettagli prodotto

normalmente disponibile
per la spedizione in 2-4 giorni lavorativi

DESCRIZIONE

Fin dall’antichità l’essere umano si è progressivamente adattato a vivere fronteggiando poche centinaia di molecole o elementi chimici nocivi di originenaturale e a livelli esigui di agenti fisici presenti in natura. Dalla rivoluzione industriale in poi l’uomo si è trovato di fronte a centinaia di migliaia di nuovemolecole cha ha iniziato a produrre a concentrazioni esagerate. Molecole che usa in grande quantità e poi disperde nell’ambiente a livelli di agenti fisiciimpiegati al fine di migliorare il comfort della propria vita, aumentare la produttività e accrescere la redditività industriale e quella agricolo-zootecnica. Siadatta ancora, ma vive peggio, soffre e vive meno delle attese possibili.Molti dei veleni messi in campo dal progresso sono o diventano agenti cancerogeni. L’amianto poi è emblematico sia sotto il profilo biomedico, sia per leimplicazioni socio-sanitarie. Una miriade di altri agenti nocivi chimici e fisici legati al progresso sono capaci di sensibilizzare circa il 10% dellapopolazione generale che è predisposta geneticamente a perdere la tolleranza agli agenti nocivi presenti nell’ambiente. Ne deriva la cosiddetta MCS(acronimo inglese che significa Sensibilità Chimica Multipla). Anche per questa sindrome si ripetono le stesse incongruità sociali incontrate per lapatologia amianto-correlata.Da questi importanti e attualissimi problemi gli Autori hanno trovato le motivazioni per scrivere, con appassionato impegno, il presente volume checoniuga storia ed economia a puntuali riferimenti medico-scientifici. Il testo, corredato da una ricca e particolareggiata documentazione scientifica elegislativa nazionale e internazionale, si propone come importante contributo di studio, analisi e proposte per la tutela procedimentale e giurisdizionaledell’ambiente dal quale ne deriva inevitabilmente un virtuoso intreccio per la tutela della salute del genere umano.INDICEMOLTIPLICAZIONE DEL RISCHIO DA INQUINAMENTO DELL’AMBIENTE NEI TEMPI MODERNIPrima rivoluzione industrialeSeconda rivoluzione industrialeTerza rivoluzione industrialeLINEE GUIDA GENERALI SULLA PATOLOGIA AMBIENTALECenni storici e pionieri della patologia ambientaleApproccio all’eziopatologia della patologia ambientaleApproccio diagnosticoApproccio normativo regolamentativo e applicativo delle leggiIstituzioniMCS COME EMERGENZA CLINICO-SANITARIAPredisposizione geneticaAspetti multifattoriali dell’eziopatogenesiManifestazioni sintomatologiche multisistemichePOSSIBILITÀ PREVENTIVE DELLA PERDITA DI TOLLERANZAProposte internazionali di protezione dell’ambiente per la gente predisposta o già affetta dalla condizione clinica (MCS)Proposte pragmatiche di evitamento di esposizioni patogene per persone con una condizione clinica in fieriPOSSIBILITÀ DIAGNOSTICHE DELLA CONDIZIONE CLINICAIndagini anamnesticheMonitoraggio delle sintomatologie prodromicheMonitoraggio delle sintomatologie conclamateTENTATIVI TERAPEUTICITrattamenti commissivi, farmaci antiossidantiTrattamenti omissivi, evitamento delle esposizioni agli agenti patogeniMEDAGLIONE SOCIO-SANITARIO DELL’MCSAgenti patogeni eziologicamente rilevantiApparati e tessuti bersaglioApproccio di evitamento di esposizioni nocivePrevenzione primaria e secondariaTentativi terapeuticiRiferimenti tra agenti eziologici, sintomatologia, ed esposizioni lavorative extra-lavorativeGiuramento di Ippocrate (versione antica e versione moderna)ASPETTI BIOMEDICO-AMBIENTALI DELLA PATOLOGIA AMIANTO-CORRELATAEffetto della reiterazione dell’esposizione alle concentrazioni definite dai limiti di legge 1 + 1 + 1 + 1+ 1 + 1 = 6 fibrille in una settimana: effetto disommatoriaFibrille inalate o ingerite. Assorbimento attraverso la mucosa deller vie respiratorie o del tubo gastroentericoRecircolazione delle fibrille nel torrente sanguignoDiffusione in tutti i tessuti e organi. Localizzazione in qualunque tessutoReazine flogistica di tipo cronico nel punto di localizzazione, con formazione dei corpuscoli dell’asbestoCancerogenesi a carico delle membrane sierose: pleura, pericardio, peritoneo, tonaca vaginale del testicolo; mesoteliomiRischio ambientale di esposizione: limite soglia = 0,1 fibra/ml d’aria (DM 6.9.94)Possibilità diagnostiche in corso d’opera (sorveglianza sanitaria)Meccanismo della cancerogenesiPotenziamento tossicologico (1+1+1=9,10 e più)Prevenzione primaria, prima dell’esposizionePrevenzione secondaria, dopo l’esposisione ad amiantoInertizzazione dell’amianto nei manufatti alla fine della loro vita d’utiizzoApproccio risarcitorio: valenze etiche, sanitarie, socialiIL CONCETTO NORMATIVO DI AMBIENTE E SALUTEAmbienteSaluteNozione giuridica di ambienteNozione giuridica di saluteFONTI DEL DIRITTO AMBIENTALE E DEL DIRITTO ALLA SALUTEFonti di diritto comunitarioAmbiente e salute della Costituzione, ed emersione del diritto-dovere al lavoro salubre in ambiente salubreCarta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea (Carta di Nizza)Norme di diritto internazionaleNuovo sistema delle fonti e i nuovi strumenti di tutela con l’entrata in vigore del Trattato di LisbonaCATALOGO DEI DIRITTI DELLA PERSONA NELLE DIVERSE FONTI DEL DIRITTODichiarazione Universale dei Diritti dell’UomoDiritti contemplati nella Convenzione europea per i Diritti dell’UomoDiritti della persona nella Carta sociale europeaDiritti della persona nel Trattato dell’Unione europeaCarta dei diritti fondamentali dell’Unione europea (Carta di Nizza)NUOVI DIRITTI E NUOVE TUTELE DOPO ENTRATA IN VIGORE DEL TRATTATO DI LISBONADefinitivo assetto delle fonti del dirittoCEDU e adesione della Comunità alla ConvenzioneNuova Europa con adesione dell’Unione alla Cedu, e con entrata in vigore del Trattato di LisbonaCorte di Giustizia come Corte Costituzionale europeaRuolo del giudice nazionale come primo giudice comunitario internoAmpliamento degli strumenti di tutela dei diritti della personaRuolo della Corte CostituzionaleRuolo della Corte di GiustiziaDivieto di discriminazione in materia di protezione della salute, dopo l’entrata in vigore del Trattato di LisbonaContratto a termine come banco di prova del nuovo sistema delle fonti di diritto comunitarioMultiple Chemical Sensitivity (MCS) alla luce della entrata in vigore del Trattato di Lisbona e del nuovo sistema delle fonti di dirittoRuolo della Corte di Cassazione tra nomofilachia e promozione del Catalogo dei diritti sancito dal Trattato di Lisbona e dalla Carta di NizzaNuovo ruolo del Giudice comunitario internoNuova ipotesi di tutela: azione diretta del cittadino innanzi la Corte di Giustizia dell’Unione europeaBenefici contributivi per esposizione ad amianto: un classico esempio di violazione delle norme (di diritto costituzionale e) di diritto comunitario, inmateria di diritti soggettivi fondamentaliAMBIENTE E SALUTE COME DIRITTI FONDAMENTALI DELLA PERSONA UMANADimensione etica del dirittoMCS quale condizione paradigmaticaEmersione della dignità come nucleo essenziale dei diritti della persona umana: dal diritto internazionale alla Costituzione RepubblicanaDiritto alla salute quale bene individuale e collettivoEmersione della tutela dell’ambiente nel diritto internazionaleDiritto all’ambiente, principio di sviluppo sostenibile e di chi inquina paga, di prevenzione e di precauzione nel diritto comunitarioAlcune delle altre fonti del diritto comunitario in tema di ambienteQuadro complessivo della disciplina nazionale in materia di ambienteIGIENE E SICUREZZA DEL LAVOROObbligo di sicurezza dell’ambiente lavorativo nelle fonti comunitarieDirettiva quadro 89/391 e suoi rapporti con il diritto nazionaleRecepimento nel nostro ordinamento giuridico della direttiva quadro n. 89/391/CEEEsigenza di un testo unicoDirettive sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un’esposizione ad agenti chimici, fisici e biologiciDirettiva 25 giugno 1991, n. 91/383 in tema di sicurezza dei lavoratori atipici, a tempo determinato e interinaliDISASTRO AMBIENTALE E NORME PENALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVOROLegittimazione costituzionale della repressione penaleQuadro delle fonti di diritto penale del lavoroNorma procedurale di cui all’art. 132 bis delle disposizioni di attuazione al codice di procedura penaleDiritto penale del lavoro nella recente evoluzione normativaResponsabilità amministrativa delle persone giuridicheSquilibrio delle forze in campo e concezione ricattatoria del lavoroAssociazioni come formazioni sociali con le quali far valere tutti i dirittiMicrosistema penale di cui agli artt. 434, 437 e 451 c.p.MOMENTI DI CRITICITÀ NEL RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE COMUNITARIE IN TEMA DI SICUREZZA SUL LAVORO NEL NOSTROORDINAMENTOInadempimento in tema di servizio di prevenzione e protezione: condanna della Corte di Giustizia delle Comunità europee (Quinta Sezione) a carico dellaRepubblica italiana con decisione del 15 novembre 2001 nella causa C-49/00Elusivo tentativo italiano di adeguarsi ai principi della sentenzaInadempimento delle disposizioni di diritto comunitario sulla protezione dei lavoratori contro i rischi connessi con l’esposizione all’amianto durante illavoroSostanziale elusione della normativa comunitaria e violazione del quadro costituzionale dei diritti della persona, in tema di protezione dei lavoratoridall’amianto (e dagli altri pericolosi cancerogeni)Misure di prevenzione e protezione in materia di amiantoOsservazioni conclusiveL’ISTITUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE TRA LUCI E OMBREObblighi sociali del datore di lavoro e prevenzionePrincipi e obiettivi dell’istituzione del Servizio Sanitario NazionaleRegionalizzazione della sanitàAziendalizzazione delle ASLDestinatari della tutelaServiziMCS E SUA QUALIFICAZIONE GIURIDICADefinizione giurisprudenziale di MCSIl primo dei casi pratici dai quali deduciamo la definizione giurisprudenziale della Multiple Chemical Sensitivitu: la Sentenza del Tribunale di Viterbo -Sezione Lavoro, Sentenza n. 53 del 20.01.2010, Giudice Dott.ssa Angela Damiani 18.3 MCS quale patologia professionale da mercurioMCS E ASSISTENZA SANITARIAMancato riconoscimento in Italia della MCS come malattia raraAssenza di centri specializzati in Italia: tra inadempimento del contratto sociale di cui all’art. 32 della Costituzione e obbligo di rimborso delle spesemediche sostenute all’esteroProfili procedurali e processualiPREVIDENZA E ASSISTENZA SOCIALEFunzione di tutela del lavoratore dai rischi professionali, tra prevenzione e indennizzoObbligazione di sicurezza e tutela della salute del lavoratoreInefficacia dei sistemi di prevenzioneLimitazione delle risorse per lo stato sociale e per la sicurezzaAssicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali: entità del premio assicurativo al tasso di pericolosità dell’attivitàInsufficienza delle misure indennitarieGaranzia estesa a tutti i cittadiniLavorazioni caratterizzate da particolare livello di pericolositàPremesse storiche dell’attuale sistema indennitarioIndennizzo del danno biologicoConcetto etico della libertà di iniziativa economica, pubblica e privataIstituti di previdenzaAttività protetteSoggetti protettiIndennizzo: dal sistema tabellare al sistema mistoProcedura per ottenere l’indennizzoPrestazioniRimedi amministrativi e giurisdizionali in caso di rigetto della domanda di riconoscimento della malattia professionaleLA TUTELA DEI DIRITTIResponsabilità civileResponsabilità del datore di lavoroObbligazione medica, sua natura giuridica e oneri probatoriAdempimento e risarcimento in forma specificaPregiudizio risarcibile, in caso di impossibilità di adempimento e risarcimento in forma specifica, e per il danno ulteriore,anche in caso di tutela in forma specificaDanno patrimoniale e danno non patrimonialeQuantificazione dei danniTutela giurisdizionale dei dirittiSPECIFICITÀ E COMPLESSITÀ DELLA TUTELA PROCEDIMENTALE E GIURISDIZIONALE DELL’AMBIENTECodice dell’ambientePrincipio dell’azione ambientalePrincipio dello sviluppo sostenibile e del chi inquina pagaPrincipio di prevenzione, precauzione e tutela dell’ambienteAmbiti e procedure di tutela dell’ambienteSistema sanzionatorioQuanto alla procedura di applicazione dei principi di precauzione, prevenzione e risarcimento dei danniDiritto dei soggetti danneggiati di agire per il risarcimento del pregiudizio per lesione dei diritti soggettivi e interessi legittimiAzione di responsabilità aquiliana in tema di danno ambientale e obbligo di risarcimento del dannoLegittimazione processuale e strumenti processuali per la tutela dell’ambiente e della salutee degli altri diritti della persona umanaINDICE BIBLIOGRAFICOINDICE DELLA GIURISPRUDENZAGIURISPRUDENZA ITALIANA

DETTAGLI PRODOTTO  torna su

ISBN: 9788877116987

Titolo: Patologie ambientali e lavorative - MCS - Amianto e Giustizia

Autori:

Editore: Minerva Medica

Volume: Unico

Edizione: 2011

Collana: Vittime del progresso

Lingua: Italiano

Finitura: Copertina flessibile

Misure: 21x27 cm

Pagine: 272

Peso: 0.7 kg

RECENSIONI

NESSUNA RECENSIONE PER QUESTO PRODOTTO